Il Ponte del Diavolo: tra storia e leggenda

Il Ponte del Diavolo – Lanzo T.se (TO)

Breve escursione di una giornata dal Ponte del Diavolo all’area attrezzata di Germagnano, lungo il tratto iniziale dell’antica via di comunicazione verso la valle di Viù


Percorso autunnale tra i colori dei boschi di castagno, querce e faggi costeggiando il greto del torrente Stura di Lanzo, dove non sarà difficile avvistare gli aironi cenerini che cercano le loro prede nelle acque limpide.
La storia di questo antico sentiero utilizzato nei secoli passati per collegare la Valle di Viù alla pianura e per evitare il passaggio nell’abitato di Lanzo si intreccia con la suggestiva natura in cui è immerso.

Il corso d’acqua e il bosco, entrambi ricchi di fauna e flora molto interessante.
Si attraverseranno panorami suggestivi quali il Ponte del Diavolo, le Marmitte dei giganti, la conca di Germagnano, che in tempi geologicamente recenti era occupata da un lago, la confluenza dei due rami principali del Torrente Stura e le cime montuose che la circondano.
Una passeggiata adatta a tutti anche con poco allenamento visto lo sviluppo quasi pianeggiante.

Informazioni utili

  • Parcheggio ingresso Riserva Naturale del Ponte del Diavolo – Via Frasca Lanzo T.se (TO)
  • Orario attività: 10:00 – 16:0
  • Prenotazione obbligatoria
  • Saranno rispettate le Norme Covid19 vigenti al momento dell’erogazione del servizio
  • Costo € 18,00 adulto – € 14,00 fino a 10 anni d’età
  • Consigliato dagli 8 anni d’età
  • Abbigliamento da trekking

Punto informativo Parco La Mandria
telefono: 011 4993381 (chiuso il lunedì)
mail: info@parcomandria.it

09 ottobre 2022